Torna al testo

Le prime testimonianze sul vino nella cultura medica risalgono al V, IV secolo a.C., al corpus ippocraticum che lo consiglia per combattere la febbre, come diuretico, come antisettico e aiuto nelle convalescenze. E’ certo, inoltre, che per oltre duemila anni, il vino sia stato l’unico antisettico utilizzato, sia per disinfettare le ferite che per rendere potabile l’acqua. La fonte più ricca e dettagliata sull’uso del vino come rimedio, è quella offerta da Galeno, medico di Marco Aurelio, che nel suo De Remediis dedica un capitolo alla terapia con ricette a base di vino.